I contenuti di questa pagina sono immessi direttamente dai visitatori del sito i quali se ne assumo piena responsabilità.
Tanx.it si riserva la possibilità di moderarne i contenuti, acconsente alla loro pubblicazione, declinando qualsiasi responsabilità in merito.
[lascia un messaggio] SONO PRESENTI 269 MESSAGGI..........

Autore del messaggio: Giop da Jakarta Again
lasciato il 10/9/2017 ore 14:27

Messaggio:
Volo interno per Jakarta, deposito bagagli e in bus raggiungiamo il centro città, facciamo soltanto un paio di Mall, uno di grandi firme, l'altro, di fronte, niente di particolare, ma non riusciamo nell'intento di spendere quel che rimasto, almeno in rupie, e quindi mestamente rientriamo in aeroporto per rientrare. Sarebbe stato meglio farsi fare un massaggio.
<-------> Email: @.

Autore del messaggio: Giah da Mawun e Mawi beach
lasciato il 10/9/2017 ore 12:59

Messaggio:
9/9 Sabato Warum beach e Mawi beach. L'ultimo giorno di vacanza vero e proprio vogliamo trascorrerlo tranquillamente e quindi sveglia comoda, colazione comoda, e quando siamo comodi, partiamo con la nostra motoretta in direzione ovest di Kuta. Non che le ultime due settimane siano state molto indaffarate, almeno per i nostri standard di viaggio, ma tantè, qui come a Flores, la cosa più interessante è il mare, e ne approfittiamo. Nel giro di breve siamo a Mawun beach, dove ieri abbiamo tirato dritto. Paghiamo il pedaggio ed entriamo. La spiaggia è davvero bella, spiaggione bianco e acqua turchese, molto calmo, la baia è molto chiusa e quindi niente onde e niente surfisti. Ci soffermiamo poco, il vero obiettivo è la spiaggia di Mawi, ma non escludiamo di ritornarci al pomeriggio. Quindi ripartiamo in direzione Mawi. Dalla strada principale si raggiunge Mawi attraverso una strada molto mal tenuta, tra sterrato e buche, come molte altre ne abbiamo trovate qui in Lombok. Cerchiamo di procedere con grande prudenza e quando non ci fidiamo Lori scende e percorre a piedi il tratto più disastrato. Il motorino è nuovo ma siccome il freno dietro è a tamburo, con i nostri due pesi, frena poco. Per contro il freno a disco davanti, pinza subito, esattamente le condizioni che ci avevano regalato una caduta in Laos. Per non ripeterci siamo estremamente prudenti. Mawi è una spiaggia all'interno di una baia piuttosto piccola, in se non particolarmente bella, ma molto frequentata dài surfisti per via delle onde che vi si formano. C'è una atmosfera molto freack, pieno di ragazzi giovani occidentali e maestri di surf indonesiani molto Rasta style. Superiamo il piccolo promontorio e passiamo qualche ora nello spiaggione dietro. Il mare è bello a vedersi ma molto mosso e con corrente di risucchio pericolosa. Quindi dopo qualche ora decidiamo di tornare a Mawun e pranzare li. Affittiamo anche due lettini scomodissimi, conformandoci oltre i nostri limiti ad una vita da spiaggia tradizionale, ma è l'ultimo giorno. Prima delle 17 rientriamo in Kuta, passiamo dai nostri amici del rainbow spa e prenotiamo il massaggio per le 18,30. Lori ha la stessa massaggiatrice dell'altra volta, non particolarmente entusiasmante. A me invece tocca quello che credo essere il marito della massaggiatrice della volta scorsa. A fine massaggio, la volta scorsa, avevamo scambiato qualche impressione sui vari massaggi ricevuti durante il viaggio, che credo siano circa una dozzina, ed io avevo dichiarato che spesso avevo avuto la sensazione che fossero praticati da massaggiatori improvvisati, che conoscevano i punti ma non capivano quale fosse la pressione adeguata, provocandomi dolore, o commettendo altri errori grossolani. Ho la sensazione inizialmente che questo influenzi il massaggiatore, che sembra avere buona mano ma mi tocca con molta delicatezza. Resisto alla tentazione di correggerne il gesto e infatti il massaggio diventa via via più soddisfacente ed è forse il migliore di tutto il viaggio. Poi a cena poco lontano al bbq qualcosa, che avevamo già valutato altre sere. King prawn (gamberoni) per lori e bis di Balenese Pepes per me. Tutto buono, tranne l'umore. Rientriamo in hotel, facciamo il checkin online e poi.... È proprio andata. Buon rientro.
<-------> Email: @.

Autore del messaggio: Pinok da Kuta serong belanak
lasciato il 9/9/2017 ore 3:17

Messaggio:
8/9 Venerdi Pantai Selong Belanak e Penujak. Stesso copione di ieri, partenza mattutina in motorino, questa volta ci dirigiamo ad ovest, verso la spiaggia di Selong Belanak. Percorriamo tratti di strada con saliscendi, fino alla zona dei cercatori d'oro e poi riscendiamo fino alla zona delle spiagge. Tentiamo di mettere il naso a Warum beach, anche solo per vedere se vale la pena fermarsi domani, ma non si accede se non dietro pagamento ingresso e allora proseguiamo verso la nostra meta. Selong Belanak è ancora una volta uno spiaggione bianco all'interno di una grande baia con mare turchese. Questo è il regno delle scuole di surf, dato che non ci sono pericoli di barriere coralline affioranti e si può surfare direttamente dalla riva. Ogni cinque o sei minuti arrivano serie di due o tre onde di circa 1 m e mezzo. Spendiamo qualche ora passeggiando sulla lunga spiaggia, qualche bagno. Pranziamo in spiaggia e poi ci mettiamo in strada verso Penujak, un altro villaggio dove dovrebbero essere dediti alla manifattura di ceramiche. Arrivati al villaggio pensando di vedere i segni di questa attività ovunque, come normalmente accade, troviamo a stento un paio di laboratori e dopo una breve dimostrazione, e vista la fattura dei risultati, non proprio di grande gusto, Rientriamo a Kuta e ci concediamo un massaggio in albergo. Cena al warung Flora con pesce in foglia di banano, molto buono.
<-------> Email: @.

Autore del messaggio: Rik da Kuta Lombok
lasciato il 9/9/2017 ore 3:16

Messaggio:
7/9 Giovedi Tanjung Aan beach e Sade villaggio Sasak. Partenza mattutina in scooter con obiettivo la spiaggia di Tanjung Aan, che dovrebbe essere una delle più belle della zona. Siamo decisamente più determinati e preparati di ieri e nel giro di poco tempo raggiungiamo la spiaggia, dopo aver rimesso il naso sulla parte che ieri non avevamo visto di Seger beach. Tanjung Aan è davvero spettacolare, per quanto non sia un cultore della vita da spiaggia, questo spiaggione e questo mare color turchese sono molto rasserenanti. Non ci sono grandi strutture in spiaggia salvo qualche piccola palafitta in bambu col tetto in paglia nella quale ripararsi dal sole. Unico elemento di disturbo, ma neanche troppo pressante, è la presenza dei venditori di magliette, sarong, frutta e altro, che di continuo ti offrono servigi. Sono comunque molto scialli e non sembrano avere grandi obiettivi. Spendiamo una buona mezza giornata, poi pranziamo in uno dei tanti warung sulla spiaggia e ci incamminiamo alla ricerca dei due villaggi tradizionali citati sulla guida. Troviamo solo il Sade Village, di Etnia Sasak, ingaggiamo una guida, o meglio lui ingaggia noi e lo visitiamo. È un villaggio in cui hanno resistito dal costruire le case in cemento e tetti di metallo ed hanno restaurato quelle in cacca di bufalo e tetto di paglia. Questo lo ha trasformato in una attrazione turistica ed è un piccolo bazar di tessuti, dal momento che in origine i Sasak erano abili tessitori. Non è particolarmente interessante e dopo più di 1/2 ora veniamo via e rientriamo nel pomeriggio. Massaggio al Rainbow e cena Pizza ai Sapori.
<-------> Email: @.

Autore del messaggio: Gion da Kuta Lombok
lasciato il 9/9/2017 ore 3:14

Messaggio:
6/9 Mercoledi Kuta Est. Affittiamo un motorino e ci dirigiamo verso la zona ad est delle spiagge di kuta. Ci rendiamo conto subito che le strade non sono così ben segnalate e con qualche difficoltà arriviamo a Pantai Seger. Ci soffermiamo poco, giusto per dare una occhiata e proseguiamo dirigendoci verso est. Immaginiamo che la spiagge siano in qualche modo indicate, mo non è così, e non siamo ancora abbastanza organizzati da cercarle puntualmente e, senza renderci conto, percorriamo più strada di quel che dovremmo e decidiamo quindi di procedere fino ad Ekas. Attraversiamo molte zone con coltivazioni di tabacco. Anche raggiunta Ekas non è banale trovare le giuste strade per le spiagge e quindi dopo pranzo iniziamo a rientrare a Kuta, non è vicinissimo. Massaggio precena all'Aloe vera, vicino e cena in albergo, dove le signore del villaggio vicino hanno preparato un pasto tradizionale, un nasi Putih molto classico ma buono. Cerco di preparare meglio la gita di domani, oggi non abbiamo visto granchè e macinato un sacco di km. Buona notte.
<-------> Email: @.

Autore del messaggio: Gig da Kuta Lombok
lasciato il 9/9/2017 ore 3:13

Messaggio:
5/9 Martedi LabuanBajo Dempasar Lombok. Giornata di spostamento, in aereo. Il mattino con grande calma raduniamo e pacchiamo gli zaini, poi ancora un passaggio in paese per un caffè e poi rientriamo al "fantastico" hotel Kasuary nel quale siamo stati questi ultimi tre giorni e ci facciamo accompagnare in aeroporto. Arriviamo nel tardo pomeriggio dopo uno scalo a Bali. A Kuta di Lombok la ricettività è maggiore e migliore di quella di Flores e quindi avendo peraltro prenotato per tempo, siamo al Juli's Homestay, un posto figo, proprietario un neozelandese, condotto molto bene. Quello che ci vuole per questo fine viaggio. Ceniamo al Bazar, cucina mediorientale. Buono.
<-------> Email: @.

Autore del messaggio: Gapoz da Sebulu Seraya
lasciato il 5/9/2017 ore 2:25

Messaggio:
4/9 Lunedi Sebulu - Seraya. Il leit motive di oggi è pressochè identico a quello di ieri, cambiamo solo le location. L'acqua è cristallina, riusciamo anche a intravedere una tartaruga lungo la navigazione. Ci fermiamo la mattina alla spiaggia dell'isola di Sebulu, ci bagniamo vestiti dato che ieri abbiamo preso una bella scaldata. Subito appena in acqua ci rendiamo conto che c'è una corrente abbastanza forte e quindi non ci allontaniamo l'uno dall'altro, anche perchè siamo completamente solo, Tiga Putre e il ragazzino si sono allontanati con la barca dal reef per pescare. Cambiamo lato della spiaggia e dall'altra parte è molto meglio, meno corrente e reef più bello, nuotiamo in mezzo a pesci colorati. C'è anche un pontile con viste stupende, sarebbe ancora più bello riuscire a salire sul piccolo promontorio, ma ho lasciato i sandali in barca e a piedi scalzi non è proprio possibile. Lasciamo l'isola intorno a mezzogiorno, pranziamo in barca con lo stesso menù di ieri, e poco dopo siamo a Seraya, dove, per superare lo sconforto dei primi giorni al Weicicu beach inn hotel, avevamo anche pensato di rifugiarci per il seguito della permanenza a Labuan Bajo. È un resort molto esclusivo con bungalow sulla spiaggia molto bella, ma questo è accessibile dal mare. Ci tuffiamo dalla barca perchè non si può avvicinare al reef, con la bassa marea sarebbe pericoloso, e nuotiamo in un paio di punti. Tantissimi pesci e reef ancora più bello che negli altri posti. Anche qui come stamani a Sebulu alcune griglie sul fondo stanno cercando di reimpiantare il corallo di varie specie, che il fenomeno del nino ha messo in crisi. Risaliamo in barca intorno alle 3 del pomeriggio, stanchi e soddistatti per questi giorni di bel mare. Dopo circa un'ora siamo al porto di LB. e tentiamo la fortuna per un'altro massaggio, ma ci va male, fully booked dai non vedenti, flores spa niente da fare ed anche la terza scelta, quello vicino al nostro hotel, chiuso il lunedì. Quindi doccia in hotel e cena al mercato del pesce con Maji Maji di 2 kg almeno. Poi ancora dessert (mousse vegana al cioccolato per Lori, mousse al macha tea/cocco e caffe flores per me) all'happy banana sulla via del ritorno in albergo. E fine dei giochi per Flores, domattina si parte per Lombok. Selamat malam.
<-------> Email: @.

Autore del messaggio: Giatu da kanawa Bidadari
lasciato il 5/9/2017 ore 2:23

Messaggio:
3/9 Domenica Kanawa - Bidadari. Sveglia ore 6 per colazione ore 6,45, usciamo e ci rechiamo al prto dove ci aspetta capitano Tiga Putra. Ci dirigiamo prima all'isola di Kanawa, dove attracchiamo al molo e ci dirigiamo sulla spiaggia bianca. Non cè ancora quasi nessuno ma molto persto arrivano alcune barche di turisti credo cinesi, vocianti, fortunatamente si dirigono verso la parte attrezzata della spiaggia, noi siamo esattamente dall'altra. Ci godiamo tutta la mattinata, facendo bagni, snorkeling a tutto andare, c'è un bella barriera corallina da entrambe le parti del pontile. Poi risaliamo in barca e capitan Tiga Putra porta la barca fuori dalla zona corallina, la più impegnativa per via dei bassi fondali, poi mette il ragazzino che gli fa da aiutante al timone e lui si mette ai fornelli. Ci prepara un ottimo piatto di mie goreng (noodle fritti), forse i più buoni di tutto il viaggio finora. La barca punta sull'isola di Bidadari, sulla carta quella meno bella delle due isole in programma oggi, ma è comunque stupenda. Qualche altra ora di snorkeling e le mie spalle e la parte non abbronzata delle gambe assumono un colorito aragosta. Domani nuoterò vestito, ma la barriera è talmente bella che non si può star fuori dall'acqua. Incontriamo anche la famiglia di spagnoli che abbiamo conosciuto all'escursione a Komodo, stanno facendo il corso di sub. Alle spalle della spiaggia c'è un resort molto esclusivo dove non mi fanno neanche prendere un caffè, meno male che le spiagge in Indonesia sono tutte pubbliche. Poi rientriamo belli abbrustoliti in hotel, facciamo una doccia per liberarci dal sale e ci rechiamo alla Flores Spa, dove abbiamo prenotato un massaggio per le 18,45. Ne usciamo incremati e rilassati, siamo stanchissimi e quindi ripieghiamo per la cena all'happy banana, un ristorante giappo fusion del quale ho letto eccellenti recensioni, ma con un minimo di perplessità per il fatto del giappo (pesce crudo, sarà abbattuto). Facciamo comunque delle scelte non troppo azzardate, tuna tataki, nigiri avogado, nigiri misti, gnocchi al pesto, muosse eccellenti e caffè flores buono. Eccellente davvero, scopriremo poi che è di un italiano. Buona notte.
<-------> Email: @.

Autore del messaggio: Giac da Labuan Bajo
lasciato il 2/9/2017 ore 23:56

Messaggio:
2/9 Sabato. Giornata libera a Labuan Bajo. Inutile girarci intorno, LB ci aveva preso un po male, fin da subito. C'erano pochi posti potabili disponibili e abbiamo preso un albergo sulla spiaggia, a 4 km dal villaggio, che però è un vero disastro. Una struttura con potenzialità, ma davvero fatiscente, è tutto rotto o quasi. Condotto da alcune famiglie simpatiche e sorridenti, ma poco adatte a condurre in maniera decente una struttura seppur di una sola decina di camere. Il mare non è meraviglioso qui davanti e tutte le mattine ci devono trasportare in paese e tutte le sere venire a prendere a fronte di telefonata con comunicazione del luogo dove ci troviamo. Insomma un pasticcio. Così decidiamo di trasferirci in prossimità del villaggio ma comunque le strutture migliori restano già prenotate, dato che siamo high season e troviamo un hotel con rating medio a distanza camminabile dal paese. Nel frattempo le due giornate passate in mare tra queste isole stupende del parco nazionale di Komodo ci hanno in parte rasserenati e l'idea di avere ancora tre giorni a disposizione con libertà di ozio e massaggi per oggi ci fa risvegliare di ottimo umore. Dobbiamo soltanto preparare gli zaini, fare colazione, pagare e trasferirci nel nuovo posto. Poi tutto il giorno libero a cercare massaggi e organizzare le gite dei prossimi giorni. Il trasporto dell'hotel weicicu che lasciamo, naturalmente, non ha la più pallida idea di dove portarci, e, non appena ci arriviamo davanti, capiamo anche il perchè. In realtà non sembra un hotel, non c'è nemmeno l'insegna, è praticamente un cantiere. Non c'è una lobby ne una reception, ma una specie di palafitta dove alcune persone stanno accovacciate a fare gli affari loro. Si fanno incontro comunque un paio di persone, una donna donna e poi un uomo che sembrano essere i preposti all'accoglienza. In realtà la struttura è talmente nuova da essere in parte ancora in costruzione, almeno ancora tutta la parte cortile e ancora alcune camere del secondo piano. Ciò che è terminato, tipo la camera che danno a noi, sembra comunque già vecchio o perlomeno già poco funzionale. Lori perde la tramontana, nonostante si sia dormito in molte occasioni in posti ben peggiori. Non ci sono le grucce, ci vengono fornite, una scia di mezzo metro di formiche dalla presa elettrica si collega al tavolino e viene subito spiaccicata a ditate sul muro dal preposto a schiacciare le formiche, e gasate da Lori con insetticida. Il lavandinovata. scarica direttamente nel pavimento del bagno e questa è colpa dell'architetto, in quanto l'ha proprio pensato così, il letto è rumoroso ???? Ed è anche distante dal villaggio. Probabilmente una aspettativa diversa ci fa vedere solo le cose negative, in fondo no è così male. Usciamo e comunque con malumore e lasciamo il bucato in lavanderia. In cinque minuti di cammino siamo sulla strada principale di LB, che è lunga 1,5 km in tutto. Poi andiamo a cercare un posto di non vedenti che fanno massaggi, dopo aver perso per avere info inutili un'altra buona 3/4 hora al tourist info. Decidiamo di fare da noi e chiamiamo via wapp Teo, riferimento locale datoci da una famiglia di torinesi durante il volo di andata. Ci raggiunge in un caffè carino dove abbiamo riparato per pranzo aspettando che i massaggiatori facciano la pausa pranzo. Ci da alcuni ragguagli e alcuni suggerimenti per una potenziale gita del giorno con auto privata. Ci penseremo e risponderemo via wapp. Dopopranzo decidiamo di tentare e di andare al porto a vedere quale possibilità abbiamo di fare da noi. Ci si fa subito incontro capitan Varano fracassa che ci affitta il barcone per l'indomani. Ci fa compilare i moduli per la capitaneria e poi ci chiede 150000 di anticipo per fare carburante, glieli diamo e come ricevuta gli facciamo una foto, lui alza subito il pollice, capitan fonzi.... Domani vedremo, Kanawa e Didadari. L'umore è già notevolmente migliorato e intanto torniamo dai massaggiatori. Entrati, questi, sono tutti non vedenti o sordi, muti,e sembrano anche non essersi ancora svegliati del tutto dalla pennica pomeridiana, sembra non esserci posto, ma poi, se ci acconsentiamo di farlo prima uno e poi l'altro ci accontentano. Accettiamo ed è la scelta giusta. La ragazza è davvero brava e trascorriamo paio d'ore in completo relax. Peccato domani siano chiusi e lunedi fully booked. Ripieghiamo prenotando in un altro posto. Poi rientriamo in hotel per posare zainetti e riuscire subito. Riusciti ci spendiamo per un aperitivo con snack di calamari fritti e subito dopo al mercato del pesce dove ci concediamo un altro paio di pescioloni, un white snapper e un maji maji, ancora migliore. Rientriamo in taxi con l'umore a posto e la sveglia pronta per domani. Che vita....
<-------> Email: @.

Autore del messaggio: Ciao Mauro da Rinca e isole
lasciato il 2/9/2017 ore 0:5

Messaggio:
1/9 venerdi - Rinca e isole. Finalmente una sveglia decente, ore 7. Colazione superiore alle aspettative, vista la qualità dell'hotel. Insieme ad un'altro ragazzo italiano, in cerca di cambio biglietto aereo, ci rechiamo in town, in cerca dell'agenzia garuda fatidica, presto ci rendiamo conto che ci sta portando all'aeroporto, ma noi non ce lo possiamo permettere perchè alle 9 parte il nostro tour in barca e quindi fermiamo il carrozzone, facciamo chiamare in hotel e miracolosamente, quello che 5 min prima aveva assicurato che esistavano 2 uffici garuda, uno in paese e uno in aeroporto ritratta. Ne esiste solo piu uno (l'altro avrà chiuso nel frattempo). Pazienza, tanto non ci credevamo molto. Quindi torna indietro e ci lascia in agenzia per il tour. Comunque non mi arrendo e ci provo telefonicamente chiamando il call center mentre provo pinne e maschera, in un ufficetto con altre decine di turisti e locali vocianti. E miracolosamente riesco a parlare con una voce amica dopo aver studiato lo spelling del codice di prenotazione, col quale penso di cavarmela. Invece oltre a questo vuole sapere, date e numero dei voli, nomi passeggeri, numeri di passaporto, data di prevista partenza e il motivo della chiamata. Sembra il domandone finale del rischiatutto ma non mi frega. Ho davanti tutti i device elettronici di cui dispongo e rispondo a tutto senza difficoltà, ma appena terminata l'ultima risposta esce il classico "non hai vinto".... Sorry mr, fully booked tomorrow, day after tomorrow and so on. Pazienza, io ci ho provato, adesso so che se per caso mi annoierò nei prossimi giorni non sarà per pigrizia, e so anche che non mi annoierò. E sto meglio. Si parte per il tour e appena si esce in mare è subito lo spettacolo delle isole, strisce di sabbia bianca e fondali. Poi si arriva a Rinca, dove mandano i varani che scartano a Komodo (nel senso che quelli di Rinca sono un po più piccoli) paghiamo un'altra schioppettata di biglietto di ingresso per noi e per 2 ranger. Ne arriva uno solo, come ieri pagati 3 avuti 2, uno sarà di mancia. Ma stavolta gli altri compagni di barca, spagnoli per lo più, si ribellano creando una sorta di incidente diplomatico e perdiamo un sacco di tempo aspettando il secondo ranger. Arrivato l'equipaggio partiamo per il piccolo trekking, fino al primo gruppo di varani, quando una delle spagnole si avvicina troppo alle bestie per farsi un selfie provocando una reazione dell'animale e scatena anche l'ira dei ranger che devono allontanare il lucertolone a punta di bastone. Con relativo cazziatone. Facciamo un giro abbastanza breve dove vediamo altri esemplari, una femmina a difesa del nido etc. Il giro non aggiunge valore a quanto già visto a a komodo ma tanto era l'unico tour disponibile. Risaliamo in barca e dopo un pranzo al sacco appena migliore di quello di ieri siamo arrivati in prossimità della seconda isola in programma, Mandarita, ci tuffiamo con gli snorkel e guardiamo corallo e pesci per una ora buona, poi risaliamo in barca e sulla via del ritorno rifermiamo il barcone a Delo per ultimo bagno e ascesa promontorio per foto del bel panorama. Durante il rientro assistiamo al solito spettacolare tramonto e appena in paese ci fiondiamo subito una Bitang in un caffè carino con vista fine tramonto. Poi vorremmo replicare la cena al mercato del pesce, ma data la scarsità di bancarelle per la festività musulmana odierna ripieghiamo al Bajo bay, molto più lussuoso e caro. Chiamiamo l'hotel per farci venire a recuperare e aspettiamo fuori dal ristorante. Come al solito si fermano decine di taxi a chiedere se vogliamo un passaggio, noi diciamo di no a tutti e regolarmente quando arriva quello che abbiamo chiamato, non riconoscibile perchè ogni volta è uno diverso con un'auto diversa, ci deve convincere di essere quello giusto, facciamo anche qualche domanda che possa testimoniare la bontà di quanto afferma, alla fine dice che io sono quello della telefonata e saliamo. Sul pulmino altre sei appartenenti alle tre o quattro famiglie conducono questa specie di hotel in maniera veramente sciallissima. Chiediamo la chiave, manca. Stamani ci han fatto capire che non avevano fatto la camera perché non l'avevamo lasciata e quindi abbiamo provveduto a depositarla. Dopo ungiro di consultazioni mi dicono più di una volta che la chiave è al ristorante e sembra che si aspettino che mi muova io per andare a cercarla (la caccia al tesoro?), ma poi, benevolmente, qualcuno la trova per noi. Hanno rifatto la camera ma non hanno messo la carta igienica finita stamani. Torno in quella che sembra la reception e loro sono intorno a un tavolo, cantano, suonano la chitarra. Si avvicina una donna e le chiedo se mi può dare, per favore, un rotolo di carta, come avevo chiesto stamani. Va un secondo nel retro e torna a mani vuote, un sorriso delizioso stampato in faccia: "sorry ser, toilet parer, finisssss, e non sembra per niente sorry. Io scoppio a ridere incredulo ma mi riprendo subito, temendo di essere scortese, ma lei si è già girata per tornare al tavolo dei chitarristi e sta già canticchiando il motivetto che io ho interotto. So già che non avrò il coraggio di screditare il personale dell'hotel su booking, sono in fondo simpatici e sempre cordiali. Fine della bella giornata. Buonanotte.
<-------> Email: G@.
 
[1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] [20] [21] [22] [23] [24] [25] [26] [27]