I contenuti di questa pagina sono immessi direttamente dai visitatori del sito i quali se ne assumo piena responsabilità.
Tanx.it si riserva la possibilità di moderarne i contenuti, acconsente alla loro pubblicazione, declinando qualsiasi responsabilità in merito.
[lascia un messaggio] SONO PRESENTI 312 MESSAGGI..........

Autore del messaggio: Gaetano da Bangkok
lasciato il 9/11/2014 ore 17:27

Messaggio:
Eccoci al termine della prima giornata trascorsa interamente a Bangkok. Il viaggio è andato molto bene, è stata una ottima scelta la Emirates per comodità/orari/costi. Abbiamo avuto un minimo di souspance invece proprio alla fermata del tram del mattino a Torino, dove abbiamo realizzato, nonostante la lunga preparazione, di aver dimenticato a casa una parte del denaro che dovevamo portare via. Nessun problema. Recupero frettoloso e comunque in orario alla nevetta x Malpensa. Siamo riusciti ad imbarcare un solo bagaglio (dopo averlo impacchettato al solito) e usare l' altro zaino come bagaglio mano. Inoltre una volta a destinazione, per non spacchettarlo e trasportarlo avanti indietro, visto che domattina presto partiamo dallo stesso aeroporto x ChiangRai, lo abbiamo lasciato in deposito in aeroporto. Buona intuizione. La giornata a Bangkok: arrivati di mattina presto ma molto stanchi. Non sono riuscito a dormire che un'ora o poco più in aereo e poi il fuso da smaltire, avevamo poche forze. Inoltre fa più caldo, anche un po umido, di quanto ci aspettassimo, ma molto fa la stanchezza. Preso possesso della camera quindi abbiamo deciso di fare un riposino ma ho cannato a puntare La sveglia e abbiamo dormito qualche ora in più. Poi ci siamo messi in marci verso Sanam Luang, in cerca del consueto posto scoperto per caso molti anni fa in cui fanno i massaggi tradizionali e, che, ogni qualvolta si passi da queste parti, da allora, torniamo sempre a cercare. Messaggio per Toni: il luogo c'è ancora, un po riammodernato ma sempre di buona atmosfera. Nel frattempo però ne sono sorti anche altri poco lontano. Si trova esattamente dove ti ho indicato e per riconoscerlo nota che sulla porta ha ben indicato il n. 9. Oggi però purtroppo essendo domenica non facevano i massaggi. Ho fatto comunque una foto che ti manderò su wazzapp. 130 bath 1 ora cartello esposto all'estermo. Poco male, facciamo un giro per il mercato degli amuleti tutto intorno e pranziamo vicino all'imbarco dei battelli pubblici sul fiume. Poi, a piedi e ormai stanchissimi, ci incamminiamo senza pretese in direzione albergo 6km circa e nel tragitto cerchiamo, quando si può, di evitare i grandi corsi e addentrarci nei quartieri abitati. Oltre metà notiamo su una vetrina l'immagine "sacra" delle zone shiatzu del piede e subito l'associazione scatta: massaggi. Infatti sbirciando dentro una signora sta massaggiando su un materasso in terra un cliente. Si affaccia e non deve insistere molto per agganciarci e dopo 10 min stiamo anche noi facendoci coccolare da mani esperte. La tariffa domenicale 200 B ciascuno x 1h. Dopo il massaggio rientriamo a piedi, sbrighiamo ancora alcune faccende logistiche legate al trasporto in aeroporto per domani, e ridoccisti usciamo per cena. Ormai sfiniti. Cena in un ristorante carino vicino alla stazione dello skytrain di phaya thay e fine della giornata. Dona sveglia ore 05,00 Abbracci.
<-------> Email: G@.it

Autore del messaggio: francesco da torino
lasciato il 9/11/2014 ore 9:38

Messaggio:
ricevuto vostro messaggio buon proseguimento vostre vacanze baci franco e gecchi
<-------> Email: zarba francesco@gmail.com

Autore del messaggio: Gaeser da Casablanca
lasciato il 13/10/2013 ore 17:23

Messaggio:
Di tutti i piani fatti per impegnare quest'ultima giornata a Casablanca non ne abbiamo rispettati che una metà circa, ma poco male, non abbiamo più le forze e ormai neanche l'appetito giusto per sfinirci oltre. Fatti i bagagli e lasciati in albergo per ritirarli stasera, ci dirigiamo quindi verso la vecchia Medina, a piedi. A detta della guida questa medina non dovrebbe essere nulla di particolare, se non altro, perché non affonda le sue radici in epoca medioevale come la maggior parte delle città marocchine, ma ha origine nel xix secolo. E infatti manca un po del fascino delle altre medine, le stradine sono leggermente più larghe ma mai abbastanza da permettere il traffico veicolare. La vita nella medina però non manca, anzi, si può dire che rispetto alle altre offre la vita vera, non infastidita o inquinata in alcun modo dalla presenza dei turisti. Si rivela perciò una visita interessante e sopratutto rilassante. Quello che abbiamo visto di strano a Casa è che ci sono molti angoli, nella medina, così come nella ville nouvelle, in cui si trovano dei capanni per per la strada con dentro un gruppo di pecore e montoni. Pensiamo producano e vendano latte, così come gli animali. Terminata la visita alla medina prendiamo il metrò leggero per Anfa, per andare a vedere questo spettacolare mall in riva al mare dove ci si può sbizzarrire negli acquisti. Oltre al lungo viaggio in tram ci costa anche un paio di km circa a piedi sotto il sole di metà giornata. Arriviamo sfiniti. Il centro è molto bello, la forma da fuori somiglia all UGC di Moncalieri, però è in riva al mare. Dentro tutte le firme più blasonate, e perfino un'acquario. Non è certo una roba nuova, ma comunque ci trascorriamo qualche ora, poi rientriamo in città in bus e cerchiamo un bagno turco, giusto per vedere se riusciamo a fare qualcosa, dato che non abbiamo con noi il necessario, ciabatte asciugamano costume etc, sono in hotel. Proviamo al gautier bain turc, poco lontano ed è un'esperienza molto piacevole. Bagno turco e mezz'ora di massaggio rilassante per entrambi, molto ben fatto, usciamo rigenerati. Il resto è la triste storia dell'ultima cena prima di partire in hotel e il viaggio ( adesso) verso l'aeroporto mohamed V di Casablanca. Alla prossima.
<-------> Email: Casa@.

Autore del messaggio: Gat da Sasa Voyager
lasciato il 11/10/2013 ore 8:54

Messaggio:
Arrivo ore 10.35 a Torino, partenza 9,15 da Roma, quando siamo al buono ti mando un sms, sperando che tutto sia ok... A presto ciao G.
<-------> Email: Q@.0

Autore del messaggio: Rico da Qui
lasciato il 10/10/2013 ore 20:59

Messaggio:
Vi aspettiamo, fatevi sapere l'ora di atterraggio... Ciao!!!
<-------> Email: X@tin.it

Autore del messaggio: Al qaetan da Casablanca
lasciato il 10/10/2013 ore 20:21

Messaggio:
Ieri giornata trascorsa tra viaggio di rientro a Marrakech, dove avevamo prenotato l'hotel ibis, economico e comodo sia per la restituzione auto che per la ripartenza di stamane alla volta di Casablanca, ultima tappa del nostro viaggio. Siamo entrati in città in auto, stavolta senza grossi problemi, essendo ormai abbastanza abituati alla guida marocchina, anche con traffico. Inoltre non abbiamo necessità di avvicinarci troppo al centro, l'hotel è accanto alla stazione dei treni, e, una volta presa la stanza e depositati i bagagli ci rechiamo in aeroporto per la riconsegna dell'auto. Va tutto per il verso giusto anche in aeroporto e rientriamo in città, direttamente in centro stavolta, in bus. Abbiamo da compiere una commissione, acquistare un monile che costruisce solo questo artigiano di Marrakech, e, che in tutto il resto del paese, abbiamo trovato in molte altre dimensioni e forme, ma mai con tanta grazie e proporzione come qui. Poi vedrete! Quindi, passata in rassegna velocemente la Jeema, con i sui onnipresenti saltimbanchi ( fa molto caldo oggi pomeriggio), prendiamo un te sulla piazza e ci inoltriamo nella via del ciondolo, facendo finta di essere li per caso... Il commerciante, molto affabile per dire il vero ci riconosce già da lontano, si ricorda chi siamo e di cosa avevamo trattato, ha già vinto la trattativa. E infatti non resistiamo, più di tanto. 50€ e 50 Dirham, giusto x confermare che se si raggiunge una cifra col 5 ( numero associato al malocchio) il commerciante per respingerlo, ne proporrà una con due 5. Comunque la cifra è molto più vicina a quella che aveva richiesto lui, che a quella proposta da noi. Facciamo ancora qualche giro intorno al palazzo Bahia e dentro la Mellah, dove un gruppo di bambini aspiranti acrobati si esibisce in capriole e giravolte per attirare la nostra attenzione e poi, per una strada secondaria rientriamo in hotel, attraversando una zona di !Marrakech molto diversa da quella turistica poco distante. Rientrati i hotel, non abbiamo più voglia di uscire nemmeno per cena e quindi ci accontentiamo del ristorante dell'Ibis. Adesso, a pochi km da Casablanca dove pernotteremo anche qui all'Ibis adiacente la stazione. Basi Pomeriggio lunga camminata in Casablanca, visita alla moschea di Hassan II, l'unica moschea in Marocco nella quale i non mussulmani possono entrare, al prezzo però anche di tutte quelle nelle quali non si può entrare. Molto bella comunque. Opera Grandiosa. Poi, lungo rientro a piedi attraverso diversi quartieri della città. Adesso in albergo per doccia e organizzazione cena. E domani, ultimo giorno a zonzo x Casablanca.
<-------> Email: G@.

Autore del messaggio: Gaetano da Marrakech
lasciato il 9/10/2013 ore 14:31

Messaggio:
Nuovamente a Marrakech. Tutto ok, riconsegnamo l'auto
<-------> Email: G@.it

Autore del messaggio: Al quat da Essaouira
lasciato il 9/10/2013 ore 0:47

Messaggio:
Essaouirà: tutta la giornata è trascorsa gironzolando per le vie della Medina, molto piacevole la cittadina, non troppo eccitati i venditori e un buon numero di turisti. Non è una meta da grossi gruppi, è piuttosto un luogo per turisti fai da te, magari in fuga da Marrakech. Visitati i bastioni in mattinata, proseguiamo con un giro al porto. C'è un gran fermento per la vendita del pesce appena pescato e l'arrivo e lo scarico di altri pescherecci. In attesa i compratori potenziali e una schiera di camion pronti a trasportare il pescato in altre località del paese. Poco lontano i cantieri dove costruiscono gli apprezzati pescherecci, il mercato per la battitura all'asta del pesce, e i ristorantini che propongono naturalmente pesce a prezzi stracciati. Non ci tentano, è ancora relativamente presto e non abbiamo ancora fame. Quindi giriamo ancora un pò nella parte di medina che ancora non abbiamo visto e poi ci mettiamo alla ricerca di un luogo in cui mangiare, cercando di capire quali sono le relative voglie. Qui c'è un grande assortimento di ristoranti di tutti i generi. Pranzo da dimenticare, almeno per me. Qualcosa nel piatto che ho ordinato mi provoca un immediato mal di stomaco, forse una delle spezie usate in cucina, era gia successo in passato, e rimedio con un te alla menta. Pomeriggio lunga passeggiata sulla spiaggia fino all'estremità opposta del paese, tra cammelli cavalli e kiteSurf. Ritorno e rientro in hotel in gran relax, la giornata più tranquilla da che abbiamo affittato l'auto. È anche l'unico giorno in cui nono abbiamo viaggiato. Cena con pizza da Silvestro, meno disastrosa che le due precedenti e rientro in hotel per la Notte. Domani trasferimento a Marrakech per riconsegna automobile. Essaouira molto piacevole e rilassante. Besos
<-------> Email: Al@.it

Autore del messaggio: Marssa Alam da Essaouira
lasciato il 8/10/2013 ore 9:32

Messaggio:
7/10/2013 Taroudant ci accoglie con la sua possente cinta muraria, è questo che gli fatto guadagnare il soprannome di piccola Marrakech ed è questa la caratteristica che accomuna gran parte delle città Imperiali e non che abbiamo visitato finora in Marocco. Le città non si rivelano immediatamente agli occhi stranieri, perlomeno non lo fanno le medine. Chi arriva in città si deve accontentare della parte più esterna, più periferica, più brutta, per vedere il resto deve necessariamente immergersi, superare una qualche porta e entrare nel vivo della medina. Le mura costituiscono sempre una barriera, esiste una città fuori e una città dentro ed è come se avessero due dimensioni e due tempi diversi, molto diversi. Normalmente, le auto si fermano dinanzi alle porte della medina, dentro entrano solo le bici e i motocicli in qualche caso (Marrakech), solo muli, cavalli asini e carretti in altri. Taroudant ha di bello praticamente soltanto la cinta muraria, quindi in teoria, dopo il giro in auto che abbiamo fatto per cercare una sistemazione potremmo anche proseguire per Agadir, ma ormai ci siamo fermati... Qui, nella medina si può entrare in auto e poi, non essendo particolarmente turistica non ci sono molti Riad. Dopo qualche tentativo ci imbattiamo nel cartello Riad Maryiam, la guida ne dice bene, quindi andiamo a vedere. Ci fermiamo, è molto bello e appena arrivati riusciamo a parlare qualche minuto su skype con i nostri amici. Poi usciamo a cena per dare una occhiata in giro, anche se il ristorante del riad è il n 1 su tripadvisor, e ce lo fa notare. Il ristorante che avevamo scelto è chiuso, ripieghiamo su uno poco lontano, che non merita ne commento ne menzione particolare. Il mattino usciamo nuovamente dal riad per vedere un po cosa offre la città e dirigiamo verso la kasbah. C'è abbastanza poco di interessante, salvo l'atmosfera molto tranquilla e rilassata dei luoghi non turistici, si può circolare senza che nessuno o quasi ti calcoli. In piazza c'è persino un incantatore di serpenti, poco convinto, sia lui che il cobra. Appena fermati a vedere cosa succede ci invita a fare la foto, no grazie, a dare un argent, beh almeno prima fai qualcosa... Allora dice qualche parola, in arabo stavolta, che strappa una risata a tutti gli astanti, probabilmente un insulto, ma poco male, ci siamo abituati e poi se voleva un argent, pazienza. No pay, No pam pam. Rientriamo in Riad carichiamo l'auto e partiamo direzione Agadir, destinazione Essaouira. Un viaggio che dovrebbe essere non particolarmente lungo ma che noi trasformiamo facendo una deviazione per la valle del paradiso, che taglia fuori Agadir, ma aggiunge un centinaio di km di strada di montagna molto tortuosa anche se molto panoramica alla giornata. Arriviamo ad Essaouira poco prima del tramonto e con una ricerca Riad un poco laboriosa ci sistemiamo in un posto carino Shakir, ma che non è quello prescelto, Nakhla, tutto pieno. Contrattiamo la tariffa parcheggio per due notti fuori le mura, lasciamo l'auto e andiamo a cena da el Minzah, dove finalmente possiamo cambiare menù a favore di qualche piatto di pesce. Baci, a stasera.
<-------> Email: Essaouira@.

Autore del messaggio: Ant Grugliasco da grugliasco
lasciato il 7/10/2013 ore 13:9

Messaggio:
Ormai manca davvero poco e il conto alla rovescia e iniziato Ci mancate Mamma & tutti
<-------> Email: dapartedi@MAMMA.it
 
[1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] [20] [21] [22] [23] [24] [25] [26] [27] [28] [29] [30] [31] [32]