I contenuti di questa pagina sono immessi direttamente dai visitatori del sito i quali se ne assumo piena responsabilità.
Tanx.it si riserva la possibilità di moderarne i contenuti, acconsente alla loro pubblicazione, declinando qualsiasi responsabilità in merito.
[lascia un messaggio] SONO PRESENTI 312 MESSAGGI..........

Autore del messaggio: gio' da Torino
lasciato il 8/11/2012 ore 13:41

Messaggio:
Lori, accendi il telefono e rispondi grazie ciao
<-------> Email: gio@pippo.it

Autore del messaggio: Enrico da Aosta
lasciato il 7/11/2012 ore 14:54

Messaggio:
Novembre 2012 Kathmandu, Bhaktapur, Bandipur, Pokhara, Nayapul, Ulleri, Ghorepani, Tatopani, Marpha, Kagbeni Muktinerh, Jomsom, Tansen. Siete in un altro meraviglioso mondo. Ora lasciando accesa la fantasia Vi attendo per una pizza a TORINO. A presto Enrico
<-------> Email: enricoderenzis@gmail.com

Autore del messaggio: Franco da torino
lasciato il 7/11/2012 ore 14:24

Messaggio:
carissimi ormai siamo agli sgoccioli della vostra vacanza, vi auguro di poter vedere ancora molte belle cose, un saluto e un abbraccio da gecchi e franco.
<-------> Email: @.

Autore del messaggio: luisella da leinì
lasciato il 6/11/2012 ore 8:53

Messaggio:
ciao amici, ma che bel viaggio state facendo! anche noi avremmo dovuto fare un piccolo viaggio...Venezia, per il ponte dei santi ma Soksan ha avuto la bronchite e così abbiamo annullato tutto.....pazienza tanto c'era l'acqua alta! un abbraccio grande
<-------> Email: @.

Autore del messaggio: LoriTano Thansen da Thansen
lasciato il 6/11/2012 ore 2:40

Messaggio:
Ciao volevo solo aggiungere che comunque,nonostante il tragitto poco rilassante (noi in ogni caso non siamo stati male), il panorama era veramente bellissimo: campi terrazzati coltivati a riso, bamboo enormi (no big bamboo) canyion con il KaliGandaghi che scorre sotto......insomma ne valeva la pena. Baci
<-------> Email: loritano@it.

Autore del messaggio: Tanx da Tansen
lasciato il 6/11/2012 ore 2:26

Messaggio:
Arrivati a pokhara ieri mattina con piccolo aeroplano (18 persone) da Jomsom ci aspettava Bharat con l'autista dell'hotel di Pokhara. Il volo è stato molto tranquillo, non fai neanche in tempo a renderti conto xchè dura 20 min. Mi aspettavo grandi vedute delle montagne ma in realtà non si vede granchè e comunque si vola più bassi dei luoghi da dove siamo stati a vederle (si passa x esempio molto vicini al trespolo di poon hill) inoltre sono sotto l'ala e siccome le montagne sono più alte... Arrivati in hotel ci danno colazione e poi prepariamo i bagagli e si offrono di portarci al terminal dei bus locali da dove cercheremo di prendere un bus che arrivi a Tansen. Ancora sulla strada per il terminal incrociamo un bus, durante l'incrocio i due autisti si parlano e si capisce che questo bus fa al caso nostro, scendiamo di corsa, traffico bloccato, bagagli sul tetto si sale e si parte, che culo, neanche troppo pieno, troviamo posto circa a metà del bus. Ci aspetta la Siddharta highway, a detta della guida, strada spettacolare. Su g.maps è una linea retta ma se esplodi la cartina portandola ad una scala più grande ti accorgi che non c'è un rettilineo più lungo di 10m. La prima ora e mezza si viaggia abbastanza e non carichiamo molta gente, il nostro bigliettaio ad ogni villaggio scende ad ogni persona che incontra tentando di farla salire sul bus, ma fuori dai villaggi dove non c'è gente si viaggia, e naturalmente presto si iniziano a distribuire sacchetti per il vomito. Ma qualcuno non ce la fa ad arrivare in tempo e allora fermi tutti x lavare. A tratti il bus è pienissimo, ma almeno si va più piano. Due o tre soste per mangiare e altro che non si capisce, forse aspetta delle coincidenze? Impossibile da decifrare. Comunque poco prima delle 15 arriviamo al crocevia verso Tansen, ci scaricano e tutti ci indicano di salire su una jeep che percorrerà gli ultimi 5 km. Tutto sommato 6 ore circa di viaggio per 119km qui è quasi un record. Troviamo "una graziosa pernsione" cito testualmente lonely planet con cesso alla turca e meno male che abbiamo i sacchi a pelo...e ci dirigiamo subito a organizzare per dopodomani la dipartita da Tansen x Janakpur. Troviamo un microbus che parte mattino presto e ci lascerà a Narayangarh a metà giornata e da li cercheremo di prendere al volo altro bus che ci porti a destinazione, non è detto che si arrivi in serata ma vedremo. Poi cena e non oltre le 21.00 siamo già a dormire nella graziosa pensione... Namastè a tutti
<-------> Email: T@.

Autore del messaggio: ANTONIO da GRUGLIASCO
lasciato il 5/11/2012 ore 15:38

Messaggio:
Così ci sembra di vivere con voi questa bella esperienza, BACI E ABBRACCI DA TUTTI NOI


http://ANTO@LIBERO.COM
<-------> Email: ANTO@LIBERO.COM

Autore del messaggio: TanoLori da Jomsom
lasciato il 4/11/2012 ore 12:15

Messaggio:
Oggi, non sapendo che fare tutto il giorno a Jomsom, ci siamo incamminati a mattino verso Marpha che non avevamo visitato molto bene. Vista adesso, dopo aver visto molti villaggi della zona, possiamo dire che Marpha è sicuramente uno dei villaggi più belli. Arrivati, abbiamo fatto una seconda colazione con fetta di torta e caffe, tea, me. Poi, piccola scalata ai Khedi con lo sfondo inbiancato a calce sulla parete della montagna, ma intanto si è alzato il vento che inesorabile tira da fondo valle tutti i dalla tarda mattinata in avanti. Altra ora e mezza di cammino a tornare con vento in poppa e nuvole di polvere in ogni dove. Rientro a Jomsom, pranzo (indian thali) e visita ecomuseo di J..domattina partenza per Pokhara in aereo e speriamo di raggiungere Thansen in giornata. See you
<-------> Email: G@.

Autore del messaggio: LoriTano da Muktinarh-jomsom
lasciato il 4/11/2012 ore 12:13

Messaggio:
Settimo giorno di trekking: Muktinath - Jomsom: Abbiamo dormito non tanto bene sia io che Lori. Letto scomodo e altitudine si sono combinati per movimentare la nottata. Inoltre fa molto freddo, almeno fuori da sacco a pelo. Dato che oggi non abbiamo grandi performance da sostenere decidiamo, visto che nel pomeriggio dobbiamo spostarci a Jomsom in jeep, di fare una piccola escursione a Jhiong, uno dei villaggi sull'altro versante della valle. La passeggiata è molto piacevole e la vista, come suggerisce la guida, è molto bella. Sembra impossibile ma spostandosi anche solo di qualche km. Si rivedono Annapurna 1, Annapurna 4 e l' onnipresente Dhaulagiri che con i suoi quasi 8200 m. sembra sempre voler ricordare chi è il capo del villaggio. Arrivati a Jhiong prendiamo un te e visitiamo l'ennesimo antico gompa Buddista, e ritorniamo. Non affrontiamo grandi pendenze e le poche che ci sono le percorriamo camminando molto lentamente ma arriviamo comunque a Muktinath stanchissimi, si capisce come il passo del ThurongLa che sopra muktinath sembra vicinissimo, ma che in realtà quota circa 5400m., sia molto difficile da superare da questo versante. Pranziamo in hotel sistemiamo gli zaini e ci incamminiamo verso il raduno delle jeep. Facciamo i biglietti e poi aspettiamo che arrivi il numero di viaggiatori mancanti per completare il carico e partire. Scambiamo qualche parola con dei pellegrini Indiani di Calcutta di ritorno dal pellegrinaggio ai santuari di Mukthinat. Poco dopo posiamo con la famiglia di fronte alla loro telecamera per il filmino ricordo. Hallo my name is...I come from... Etc etc, cosa vuoi dire di fronte ad una telecamera indiana? I love chena samoza, dhaal makani, chicken tandoori. Si parte, solo che di viaggiatori ne sono arrivati alcuni in più di quelli necessari per completare il carico, siamo in 14 dentro la Jeep, con la signora indiana che continua a filmare, musica a tutto volume e uno dietro che vomita. Meno male che le oltre due ore di viaggio paventate da Bharat alla vigilia si rivelano in realtà poco più di un'ora, compresa discussione di diversi minuti per sfiorato incidente. Lori non è intervenuta, ma era chiaro che la ragione era nostra. Ceniamo con Bharat bevendo un paio di birre e anche un apple raksi (liquore di mele) più bevibile di quello di Millet (senape) provato a ghorepani. Sembra contento del tempo passato con noi e forse anche del fatto che la mancia che gli abbiamo dato è sicuramente superiore di quanto non sia il compenso pagato dall'hotel per questi giorni di lavoro. Dice di volerci venire a prendere in Aeroporto a Pokhara e vorrebbe proporci altre attività da fare una volta lì, ma noi non abbiamo intenzione di fermarci oltre a pokhara e vorremmo ripartire il mattino stesso per Thansen. Allora...next time may be. Inoltre non è affatto scontato che lui arrivi a Pokhara prima di noi o nelle condizioni di avere ancora energie per fare cose. Lui infatti sta partendo adesso, (che sarebbe la mattina dopo). Bussa adesso ore 6,45 alla nostra porta per prendersi i suoi due kg di mele che ha comprato a Marpha, famosa dice lui per la coltivazione appunto delle mele, e che si è portato sulle spalle per tutto il resto del tragitto, ma che ha fatto conservare a noi tutte le notti perchè loro dormono in stanze comuni con altri portatori e guide e forse le mele erano più al sicuro da noi, o forse non aveva spazio sufficiente. Comunque lo aspetta un viaggio massacrante e non sa se arriverà a Pokhara in serata o se dovrà trascorrere la notte fuori. A noi aspetta una giornata di ozio completo e mezza giornata almeno, dalla tarda mattinata in poi, di vento sicuro. Namastè a Tutti.
<-------> Email: Rg@.

Autore del messaggio: TanoLori da Kagbeni-muktinath
lasciato il 3/11/2012 ore 13:53

Messaggio:
Sesto giorno: da Kaghbeni a Muktinath. Partiti alle 8.05, la strada lascia la valle del kali gandaky e si diparte lateralmente risalendo subito con buona pendenza la valle del johng khola. Sarà il timore che ci incute questa tappa o il fatto di essere un pò più allenati, prendiamo subito, ognuno il nostro passo, senza farci tentare da andature fuori portata. Barat non sta tanto bene, per la tanta polvere respirata durante la tappa di ieri ha bruciore alla gola e al petto, per cui anche lui si adegua facilmente al nostro passo. Dopo alcune rampe, la pendenza si fa più regolare e camminiamo molto bene, se non fosse per le jeep che di tanto in tanto passano in velocità, incuranti del fatto di sollevare nuvole di polvere... Comunque una delle tante si ferma per guasto subito dopo avermi interrotto una pipi in corso e avermi impolverato come da prassi... Evvai!!! le maledizioni servono, mi faccio paura da solo. Non sto a ripetere quanto tutto questo avvenga comunque sempre in un contesto paesaggistico da paura. Da Marpha in poi non si vedono più le montagne alte della prima parte del trekking se non da molto lontano e sembra piuttosto di essere in una zona montuosa semi desertica, anche i colori della terra ricordano il deserto. Girato un promontorio improvvisamente si vedono neanche troppo lontani i due villaggi che precedono la nostra meta, che invece rimane nascosta da un crinale. In breve siamo a khinghar dove ci fermiamo a prendere un tea. Ripartiti, entro breve arriviamo a jarkhot dove io e Lori vogliamo visitare un Gompa antico. Barat dice che lui intanto andrebbe a cercare posto in albergo, a Muktinath manca meno di un'ora. Noi ci fermiamo a visitare il gompa e poi a consumare il nostro pranzo a Jarkhot, dopodiché ci mettiamo in marcia. Barat tende a non perderci mai di vista e a non farci mai fare un passo da soli, si sente investito di una responsabilità che non ha. Oltretutto noi lo paghiamo solo per portarci la roba, ma lui si sente anche un pò guida e quindi... Se non fosse così tenero lo avremmo già cassato ma a noi piace. Mentre stiamo raggiungendo Muktinath vediamo la sua sagoma all'ingresso del villaggio, ne ridiamo, lui vuole assolutamente trasportare per gli ultimi metri uno dei due zaini, fatti furbo, stai anche male. Arrivati, scarichiamo i bagagli, prendiamo un te e andiamo subito a visitare i templi di muktinath, e lui, naturalmente, ci accompagna.
<-------> Email: G@.
 
[1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] [20] [21] [22] [23] [24] [25] [26] [27] [28] [29] [30] [31] [32]